Spazio di ascolto

Benessere, inclusività e pari opportunità
Spazio di ascolto

L’Ateneo di Milano-Bicocca, e al suo interno il Dipartimento di Fisica “G. Occhialini”, promuovono politiche a tutela del benessere delle persone che ci lavorano e studiano, ed azioni volte a contrastare qualunque forma di discriminazione, mobbing, abuso, molestia e violenza.
È presente nel Dipartimento di Fisica una Commissione per l’inclusività e per le tematiche di genere che si occupa di organizzare iniziative finalizzate a promuovere l’interesse delle ragazze per la Fisica e per le Scienze in generale, iniziative a favore delle pari opportunità e contro ogni forma di discriminazione offrendo, al contempo, uno spazio di ascolto su queste tematiche.

La Commissione per l’inclusività e per le tematiche di genere è composta da:

Docenti

Ruggero Barni (ruggero.barni@unimib.it)
Laura D’Alfonso (laura.dalfonso@unimib.it)
Daniela Di Martino (daniela.dimartino@unimib.it)
Bruno Giacomazzo (bruno.giacomazzo@unimib.it)
Silvia Penati (silvia.penati@unimib.it)

Studenti

Arianna Brescia (a.brescia5@campus.unimib.it)
Simona Pacuraru (s.pacuraru@campus.unimib.it)

Come segnalare un caso di abuso, discriminazione o disagio

Nel caso si intenda segnalare episodi di disagio o atteggiamenti discriminatori, offensivi, molestie o abusi da parte di pari o docenti, e verificatisi all’interno dei locali dell’Ateneo, nel totale rispetto della libertà di scelta di ogni individuo di rivolgersi a chi vuole, si suggeriscono le seguenti modalità:

Per studentesse e studenti

  1. Per episodi ritenuti non gravi dai soggetti coinvolti, si consiglia di segnalare l’accaduto ai Rappresentanti degli studenti che si impegneranno a riferire in Commissione Paritetica. La Commissione Paritetica potrà decidere di informare il Direttore del Dipartimento e la Presidente del CCD affinché si attivino per la risoluzione del problema.
    Alternativamente, è possibile riportare l’accaduto ad uno o più componenti della Commissione per l’inclusività e per le tematiche di genere. La Commissione potrà decidere di informare il Direttore del Dipartimento e la Presidente del CCD affinché si attivino per la risoluzione del problema. In tutti i casi sarà garantito l’anonimato delle persone coinvolte.
  2. Per casi ritenuti più gravi dai soggetti coinvolti, o nel caso non ci si senta a proprio agio ad esporre il problema ad uno dei soggetti sopra menzionati, è possibile rivolgersi direttamente alla Consigliera di Fiducia che riceve una volta al mese, previo appuntamento via e-mail (consigliera.fiducia@unimib.it).

Per dottorande e dottorandi

  1. Per episodi ritenuti non gravi dai soggetti coinvolti, si consiglia di segnalare l’accaduto, o di persona o mediante i propri rappresentanti, alla Commissione per l’inclusività e per le tematiche di genere che potrà decidere di informare il Direttore del Dipartimento e la Coordinatrice del Dottorato affinché si attivino per la risoluzione del problema. In tutti i casi sarà garantito l’anonimato delle persone coinvolte.
  2. Per casi ritenuti più gravi dai soggetti coinvolti, o nel caso non ci si senta a proprio agio ad esporre il problema ad uno dei soggetti sopra menzionati è possibile rivolgersi direttamente alla Consigliera di Fiducia che riceve una volta al mese, previo appuntamento via e-mail (consigliera.fiducia@unimib.it).